Picture
LONDRA, 2 novembre - L'Inter scivola a Londra contro il Tottenham di Bale e Crouch e non basta il solito Eto'o per far sognare la rimonta -english style- che gli uomini di Redknapp avevano provato due settimane fa a San Siro. Padroni di casa in vantaggio con Van Der Vaart al 18' in una partita che neanche doveva vederlo protagonista per i problemi fisici della vigilia. Gli uomini di Benitez (alla quarta sconfitta di fila al white Hart Lane dai tempi di Liverpool) non riescono ad impensierire gli avversarsi che, nella ripresa, raddoppiano grazie alla solita galoppata di Bale e al tocco vincente sotto porta dello spilungone Crouch. L'ingresso di Milito sembra portare più vivacità all'attacco nerazzurro ed infatti arriva il gol di Eto'o al 36'. Non basta, perché il velocista gallese inseguito da mezz'Europa serve un altro assist d'oro a Pavlyuchenko che chiude i conti al 45'.
 
IL COMMENTO - «Loro fisicamente erano più forti, li ho visti più veloci, quando perdevamo la palla loro erano pericolosi». Cosi Rafa Benitez commenta, ai microfoni di Sky, il gioco mostrato dal Tottenham, che ha sconfitto per 3-1 la sua Inter. Quanto all'aggressività dell'attacco degli inglesi, e in particolare di Bale, Benitez è del parere che l'Inter avrebbe dovuto «gestire un po' meglio la copertura e l'uno contro uno». Alla domanda sul cambiamento mostrato dai nerazzurri rispetto all'incontro di andata a Milano, il tecnico, evocando in particolare la spinta data dai tifosi agli Spurs, risponde: «È diverso quando si gioca in Inghilterra». Nonostante la sconfitta, Rafa è nel complesso soddisfatto del comportamento dei suoi: In partite del genere - sostiene - «non è facile mantenere l'equilibrio e mantenere la squadra bilanciata. Sono contento di questi giocatori, ma dobbiamo migliorare un po'». Cosa dirà ai suoi nello spogliatoio? «Loro sanno che non abbiamo fatto una bella partita e che dobbiamo lavorare per fare bene la prossima», conclude l'allenatore dell'Inter.

LA STATISTICA - La difesa dell'Inter targata Benitez si trasforma fra campionato e Champions League: tanto è ermetica in campionato quanto concede in Europa. Dopo 9 giornate di serie A mai l'Inter, nell'era dei 3 punti a vittoria (dal 1994/95 ad oggi), aveva subito così pochi gol, soltanto 4. Tutto all'opposto in Champions, dove l'Inter ha subito ben 8 reti in queste prime quattro giornate della fase a gironi. Da quando si gioca la Champions su questa formula, mai ai nerazzurri era accaduto di prendere così tanti gol: il precedente record risaliva al 2002/03, quando la formazione all'epoca allenata da Cuper aveva incassato 7 reti nelle prime 4 giornate (2 dal Rosenborg, 5 - fra andata e ritorno - dal Lione). 


 


Comments




Leave a Reply

    online counter
    LoveMyProfile.com - Profile Counters

    Autore

    Manuelinho

    Archives

    Dicembre 2010
    Novembre 2010
    Ottobre 2010
    Settembre 2010