Picture
MILANO, 14 novembre - Un rigore di Zlatan Ibrahimovic decide il derby della "Madonnina". Il Milan batte l'Inter 1-0 nel posticipo del dodicesimo turno della Serie A, e si riporta in testa alla classifica con 26 punti. Meglio i rossoneri nel primo tempo, mentre nella ripresa, complice l'espulsione di Abbate che ha lasciato il Milan in dieci, l'Inter è andata vicina al pareggio. Niente da fare, però, per gli uomini di Benitez che incassano il primo ko interno dopo due anni e restano fermi a quota 20 punti. 

IBRA-GOL - Scelte praticamente obbligate per Benitez che deve schierare Materazzi in difesa al fianco di Lucio, ma recupera Sneijder a centrocampo con Stankovic dal primo minuto. Nel Milan, Allegri tiene Ronaldinho in panchina e rinuncia a Pirlo. In attacco l'ex Ibrahimovic agisce da unica punta supportato da Seedorf e Robinho. L'approccio dei rossoneri sembra subito quello giusto, e lo conferma il vantaggio che arriva dopo appena 6': Materazzi entra in modo scorretto su Ibrahimovic in area di rigore, e Tagliavento assegna il penalty. Sul dischetto va lo stesso Ibrahimovic che spiazza Castellazzi e porta il Milan sull'1-0. 

OBI KO - L'Inter accusa il colpo, ed è poco lucida nella manovra. I rossoneri intuiscono le difficoltà degli avversari e premono alla ricerca del raddoppio. Il Milan costruisce diverse palle gol, la più clamorosa con un bel tiro al volo di Ibrahimovic che termina fuori di poco, ma non concretizza la supremazia territoriale. L'Inter prova a riorganizzarsi, ma perde Obi per infortunio. Al suo posto Benitez prova la carta Coutinho, e fa bene, perché i nerazzurri si rivitalizzano e cominciano a entrare in partita creando qualche difficoltà alla retroguardia rossonera. I padroni di casa protestano per il mancato secondo giallo a Gattuso, già ammonito, per un duro intervento su Sneijder, ma Tagliavento concede solo il calcio di punizione con cui proprio Sneijder sfiora il pareggio. 

CAMBI - La ripresa si apre con una novità per parte: nell'Inter c'è Pandev per Milito, mentre nel Milan entra Pirlo per Gattuso. I nerazzurri sono decisamente più aggressivi rispetto al primo tempo, ma i rossoneri sembrano contenere senza troppi affanni le incursioni di Eto'o e compagni. Il Milan cerca di gestire il possesso palla, ma è meno fluido nella manovra, e rischia su un calcio piazzato di Sneijder respinto da Abbiati. 

MILAN IN DIECI - Al 60' i rossoneri restano in dieci per l'espulsione di Abbate che rimedia il secondo cartellino giallo dopo un accenno di rissa con Pandev. Allegri decide di togliere Robinho, e inserire Antonini. Poco dopo Materazzi ha la peggio dopo uno scontro con Ibrahimovic, e al suo posto entra Biabiany. L'Inter prova a sfruttare l'uomo in più, ma è il Milan ad andare vicino al raddoppio con un sinistro di Seedorf che esce di un soffio. Poco dopo l'olandese lascia il posto a Boateng, mentre l'Inter continua a premere alla ricerca del pareggio. I nerazzurri prendono d'assedio l'area rossonera, con il Milan che, di fatto, rinuncia ad attaccare. Il forcing della squadra di Benitez, però, non produce risultati, e a festeggiare sono Ibrahimovic e compagni.


 


Comments




Leave a Reply

    online counter
    LoveMyProfile.com - Profile Counters

    Autore

    Manuelinho

    Archives

    Dicembre 2010
    Novembre 2010
    Ottobre 2010
    Settembre 2010