Picture
TORINO, 19 dicembre - Una beffa che fa male alla Juve, che arriva nel recupero di una partita che fino al gol di Pellissier era una vittoria epica. I bianconeri erano stati più forti delle emergenze, più forti dei problemi dell'ultim'ora, inossidabili in difesa con Storari a parare un rigore a Marcolini al quarto d'ora (fallo di Chiellini su Moscardelli, in probabile posizione di fuorigioco), cinici in attacco con la meraviglia di Quagliarella in rovesciata al 31'. Poi nella ripresa, nonostante l'espulsione di Giandonato dopo sei minuti, una strenue resistenza in dieci uomini e due grandi occasioni per chiudere la partita con Iaquinta prima e con una cavalcata incredibile di Krasic, conclusa sulla traversa dopo aver dribblato tre uomini e Sorrentino in 70 metri di campo. Vittoria, tre punti e secondo posto, sembrava tutto fatto. E invece la beffa di Pellissier al terzo dei quattro minuti di recupero, che lascia l'amaro, anzi, l'amarissimo in bocca ai bianconeri. Che, nonostante il tredicesimo risultato utile consecutivo, ora sono quarti in classifica, a -5 dalla vetta, staccati dalla Lazio e dal Napoli che in tandem sono a tre punti dal Milan.

 


Comments




Leave a Reply

    Archives

    Gennaio 2011
    Dicembre 2010
    Novembre 2010
    Ottobre 2010
    Settembre 2010

    LoveMyProfile.com - Profile Counters
    online counter