Picture
TORINO, 3 novembre - Cambiano le ge rarchie del mercato juventi no. Nelle ultime ore la lista di Giuseppe Marotta e Fabio Paratici ha subito alcune modifiche importanti. Ades so è Andreas Beck, terzino tedesco dell’Hoffenheim e della Nazionale, il principale obiettivo per rinforzare la fa scia destra a gennaio. La svolta non è casuale. Beck è nel mirino degli osservatori juventini da diversi anni, da quando giocava ancora nello Stoccarda. Le relazioni più recenti degli 007 (il tedesco è uno dei principali artefici del terzo posto in Bundesliga del club) hanno soddisfatto il gruppo di mercato juventino. Il tedesco convince per età (23 anni), esperienza (91 pre senze nel campionato tede sco, 7 con la Germania), ma soprattutto per qualità tecni che- tattiche. Beck è un late rale destro che sa accompa gnare la fase offensiva, ma prima di tutto è un difensore. Il profilo del capitano del l’Hoffenheim coincide con quello tracciato da Luigi Del Neri, alla ricerca di una scor ta per Milos Krasic, rivelato si più devastante ma anche più offensivo del previsto. Li mitare le incursioni del serbo sarebbe un mezzo suicidio, dunque meglio ricercare l’e quilibrio con altre formule. Come ripetono nelle stanze del centro tecnico di Cover ciano, uno dei salotti preferi ti dall’allenatore di Aquileia, ogni allenatore deve raggiun gere 100, ma per riuscirci può seguire strade diverse: 50 più 50, 70 più 30... 

TRATTATIVE - A far quadra re i numeri più che Del Neri dovrà essere Marotta. Il dg bianconero è uomo di strate­gie spesso illuminate, l’ulti ma in ordine di tempo quella che ha portato Aquilani in prestito dal Liverpool. L’Hof­fenheim valuta Beck una de cina di milioni. Marotta, però, può contare su un alleato im portante, il contratto del gio catore. Già, tra un anno e mezzo (giugno 2012) il terzi no di Ralf Rangnick va a sca denza. I dirigenti tedeschi, in somma, non hanno i mezzi per tirare troppo la corda. Anzi, il mercato di gennaio potrebbe essere una delle ul time occasioni per monetiz zare la cessione del cartelli no. Insomma, secondo i ben informati l’Hoffenheim alla fine potrebbe accontentarsi di una cifra inferiore, intorno agli 8 milioni. 

FASCIA BIONDA - Marotta e Paratici sono pronti a entra re in azione per regalare al tecnico un rinforzo importan­te tatticamente e indispensa bile numericamente alla lu ce degli ultimi infortuni (al momento sono fuori uso Gry­gera, Traoré e De Ceglie: l’aostano ne avrà per almeno 3 mesi). I tifosi, invece sono pronti a sognare una fascia tutta bionda, con Beck a co prire le spalle di Krasic. 

ALTERNATIVE - Il sorpasso di Beck nelle preferenze del gruppo di lavoro juventino non pregiudica la altre piste, che continueranno a essere monitorate fino a gennaio (senza dimenticare Ivanovic del Chelsea, principale obiet tivo per giugno). La politica in corso Galileo Ferraris re sta la stessa di quest’estate: porte aperte fino all’ultimo istante, quello della scelta de finitiva. Proprio per questo motivo non si è per nulla at tenuato l’interesse per Cesa re Bovo. Il palermitano - an che lui cresciuto nelle giova nili della Roma con Aquilani e Pepe - è un difensore cen trale, ma in carriera si è di simpegnato anche sulla de stra. Riadattarsi non sareb be un problema. Cristian Zaccardo - altro nome caldo della lista - a destra invece gioca con costanza da un paio di anni. Con Guidolin, sia a Parma sia a Palermo, è stato impiegato pure come marca tore di destra nella difesa a tre. L’abilità in zona gol (que st’anno sono già 2) non deve ingannare: Zaccardo è bravo a sfruttare le palle inattive, ma nel dna è difensore. Le difficoltà del Parma - ultimo in classifica con 8 punti insie me a Cesena, Bologna e Bari - non facilitano una eventua le trattativa. Marotta, nel ca so, è pronto sfruttare una chiave importante, quella di Giovinco, che in Emilia è so lo in prestito.


 


Comments




Leave a Reply

    Archives

    Gennaio 2011
    Dicembre 2010
    Novembre 2010
    Ottobre 2010
    Settembre 2010

    LoveMyProfile.com - Profile Counters
    online counter